Croce Taravella pittore contemporaneo


Vai ai contenuti

Croce Taravella è nato nel 1964 a Polizzi Generosa (Palermo), paese delle Madonie. Frequenterà l'Accademia di Belle Arti di Palermo. Tra il 1983 e il 1984 si fa determinante l'appoggio del gallerista Lucio Amelio a Napoli che lo introduce nell'ambiente artistico della città.

Da qui l’incontro con Beuys, Warhol e poi Rauschenberg, Longobardi, Paladino e di lì al movimento della transavanguardia.

Si dedica prestissimo alla pittura sperimentale utilizzando tecniche miste di grande impatto cromatico. Le sue opere, grondanti di colore, rappresentano sovente il punto di vista di un viaggiatore e vogliono essere un invito al viaggio quale occasione di confronto e crescita intellettuale.

L'atelier

L'Artista


Artista poliedrico, non si ferma all’esclusivo ambito della pittura ma esplora con curiosità e passione i più diversi lessici creativi. Tornato a Palermo, crea il centro polivalente II Labirinto, nell'ambito del quale promuove performance, mostre, installazioni di artisti di respiro nazionale ed europeo. Si trasferisce successivamente a Roma dove, in qualità di scenografo, collabora in più occasioni con la RAI.
Rientrato a Palermo fonda nel cuore del quartiere storico della Vucciria, l'associazione culturale d'arte moderna e contemporanea, realizzando mostre dedicate ad artisti del calibro di Kounellis e Beuys. Nella stessa sede fonda un'altra realtà, Mondo Tondo, coinvolgendo giovani artisti europei nella realizzazione di installazioni permanenti e in varie mostre ospitate nelle sale della struttura.

Dal 1990 in poi si dedica ad installazioni di cemento, ferro, legno, rottami intrisi di colore e impastati di stracci. Si spinge alla ricostruzione di scenari naturali plastici nelle opere realizzate prima tra le montagne siciliane e poi tra quelle cinesi, lavorate in pietra e asfalto e divenute, dopo l'intervento pittorico, un maestoso scenario percorribile a ricostruire l'ambientazione per novelli Gullivers. La serie dedicata alla moglie Jamie ed alla figlioletta neonata Anita, realizzata in terracotte smaltate, riporta all'atmosfera più intima e privata. Le sue opere si trovano in collezioni pubbliche e in collezioni private.

Ha realizzato interventi ambientali ed installazioni permanenti a Malta (affreschi Villa Azzaro, 1992), a Palermo (Crollori Vucciria, 2000), a Berlino (Beton, Kunsthaus Tacheles, 2001), in Cina Guilin, presso lo Yuzi Paradise, 2006) e nell’entroterra siciliano, a Mazzarino in provincia di Caltanissetta (Lago di Pietra, Azienda Agricola Floresta, 2000), a Nicosia in Provincia di Enna (Furia Nebrodensis, Casa Mancuso, 2001) e a Bagheria in provincia di Palermo (II Grande Guerriero, al Museo Renato Guttuso di Villa Cattolica ed in Australia). Taravella ha partecipato in qualità di artista invitato alla 51ma Biennale Internazionale di Arte di Venezia e alla 10ma di Architettura.

Attualmente vive e lavora nel centro madonita e Roma.

© Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione, anche parziale, del contenuto di questo sito web senza l'esplicita autorizzazione scritta dell'artista.


Torna ai contenuti | Torna al menu